[Series] Fringe

[Series] Fringe

Loro stanno arrivando, noi siamo già qui per parlarvene.

Nell’ottica di voler diventare un blog il più polifunzionale possibile, che possa incuriosire un target sempre più ampio, l’alta dirigenza del Satiro ha pensato “Non siamo furbi. Ci guardiamo duecentomila serial americani a testa e non abbiamo neanche uno straccio di articolo dove ne parliamo”. Detto fatto. Lanciamo quindi ufficialmente “Series”, una rubrica che si prefigge l’obiettivo di presentarvi le novità dal mondo delle Serie Tv oltreoceano.

Attenzione, non tutte le novità, ma faremo un’accurata selezione per darvi solo il meglio che i network televisivi e cable avranno da proporre, le novità più intriganti. Ma non solo. Daremo notizia alle anticipazioni delle migliori serie già iniziate (Fringe ne è un esempio) e a momenti alterni focalizzeremo l’attenzione su recensioni di prodotti già terminati ma passati alla Storia dei Serial televisivi.

E quale momento migliore dell’estate e soprattutto del Comic-Con di San Diego (il più grande festival Nerd al mondo) per iniziare?

Bene, la premessa è andata. Ora cominciamo. Questo articolo è ancora un “work in progress”, nel senso che vorremmo dare un tono schematico alle cose da raccontare suddividendo sempre gli stessi punti ma non abbiamo ancora deciso la formula definitiva da usare, quindi i primi articoli potrebbero avere punti differenti ma sostanzialmente saranno divisi in: trama, trailer di presentazione, news fresche (se ce ne sono) e diverse considerazioni da parte degli editori che hanno deciso di seguire la serie quando sarà uscita.

TRAMAIn tutto il mondo si stanno verificando eventi apparentemente inspiegabili che fanno riferimento a quello che la Sicurezza Nazionale americana ha definito “Lo Schema”. Quando il volo internazionale 627, partito da Amburgo, atterra a Boston con tutti i passeggeri e i componenti dell’equipaggio morti, l’agente dell’FBI Olivia Dunham è chiamata per risolvere il caso. Olivia è decisa a chiedere l’aiuto di uno scienziato, il Dr. Walter Bishop, che conduceva esperimenti per il Governo all’interno di un ramo della scienza chiamata “Fringe” (che comprende fenomeni paranormali come il controllo della mente, il teletrasporto, la proiezione astrale, l’invisibilità, la mutazione genetica, la rianimazione) finché, in seguito ad un incidente di laboratorio, fu dichiarato mentalmente instabile e rinchiuso in un istituto psichiatrico. Olivia si dirige quindi in Iraq, dove attualmente vive il figlio dello scienziato, Peter Bishop, che, nonostante abbia un’intelligenza alquanto sopra la norma come il padre, non si è mai laureato e ha vissuto di truffe e inganni, avvantaggiati dal suo spiccato ingegno. Peter è infatti l’unico parente e l’unica persona che può firmare le carte di dimissioni di Walter Bishop. Grazie a lui, tornato apposta negli Stati Uniti, il trio così formatosi inizia ad indagare sui casi dello “Schema”, che da piccoli incidenti casuali si trasformano man mano in attacchi di bioterrorismo. Comandata dall’agente della Sicurezza Nazionale Phillip Broyles, che già si era occupato di numerosi casi riguardanti lo “Schema”, nasce così la “Divisione Fringe”, che usa come quartier generale il vecchio laboratorio di Walter nello scantinato dell’Università di Harvard a Cambridge.

[Series] FringeQuesto è ovviamente solo l’incipit di una serie che conta 4 stagioni, ben 87 episodi e una trama che si arricchirà di molti elementi e misteri da svelare. Dai produttori esecutivi Alex Kurtzman, Roberto Orci e il genio di Lost J.J. Abrams ha inizio una storia dove si vedranno universi paralleli in guerra tra loro, più versioni della stessa persona e un salto avanti nel tempo verso una guerra impossibile, forse, da vincere. Siamo sicuramente di fronte ad un must per i fan dei serial Sci-Fi (Science-Fiction), ma il prodotto non deluderà sicuramente anche chi ama il Mistery e l’Action. Gli episodi da 40 minuti cadauno non sono un grande incentivo a recuperarla tutta prima della 5° e ultima stagione di 13 episodi che debutterà il 28 Settembre, ma l’estate è ancora lunga e comunque c’è sempre tempo anche durante l’autunno senza bisogno di stare necessariamente al passo. Intanto gustatevi il Pilot se riuscite a recuperarlo, vedrete che vi verrà voglia di proseguire. Qui di seguito trovate il trailer della prima stagione sottotitolato in italiano.

 


 

 

ANTICIPAZIONI – Dopo la presentazione della serie passiamo alle anticipazioni della 5° stagione. Come alcuni sapranno è finito la settimana scorsa il Comic-Con di San Diego, come detto sopra la più grande manifestazione Nerd del mondo (fumetti, serie tv, film, videogiochi ecc.). Per quanto riguarda i palinsesti televisivi, domenica c’è stata la presentazione dell’ultima stagione di Fringe, presenti i principali attori protagonisti. Vi riportiamo qui sotto il video integrale del panel, all’inizio troverete il trailer della nuova stagione e poi inizierà la presentazione col cast. Non c’è bisogno che la guardiate tutta, riporterò in semplici punti le anticipazioni fornite dagli attori.

  • La stagione partirà dal giorno dopo gli eventi narrati nell’episodio S04e19: Letter of Transit, in cui avviene il salto 20 anni nel futuro e riprenderà gli eventi di quella timeline.
  • Gli Osservatori saranno molto più pericolosi delle precedenti stagioni.
  • Si commuovono un pò tutti ricordando le scene migliori dell’intera serie.
  • Al minuto 19:15 Joshua Jackson (Peter Bishop) fa un brevissimo esilarante riassunto della storyline tra Peter e Olivia
  • Al minuto 31:05 viene proiettato un video appositamente creato per il Comic-Con che ripercorre gli eventi della serie e ringrazia i fan per il supporto.
  • Viene posta la domanda se vedremo più Henry Ian Cusick, che aveva già partecipato in “Letter of Transit”, ma il produttore Joel Wyman preferisce non spoilerare nulla.
  • Alla domanda se la serie continuerà in qualche modo dopo la fine della messa in onda John Noble dichiara che un film è possibile.
  • Viene domandato perchè non ci sono Osservatori donne, la risposta sarà chiara durante la stagione.
  • Il panel si conclude con l’inchino dei protagonisti.

 CONSIDERAZIONI – Bada: Un rinnovo all’ultimo momento per una serie che avrebbe meritato molta più affidabilità da parte di un network come Fox. Per carità, i ratings della 4° stagione non sono stati esaltanti, ma Fringe si è costruita negli anni uno zoccolo duro di fans che non avrebbero mai abbandonato la serie, nonostante i vistosi tagli al budget che però non hanno scoraggiato la produzione, presentando sempre episodi di ottima qualità (anche grafica). Fortunatamente abbiamo ancora 13 episodi davanti per concludere degnamente uno dei prodotti più belli degli ultimi anni. Questo salto avanti nel tempo mi ha ricordato molto “Epitaph: One” ed “Epitaph: Two” di Dollhouse (di Joss Whedon, mica Rhonda Rhimes di Grey’s Anatomy) e se è stato un successo quella volta non vedo perchè non dovrebbe esserlo anche ora.

Shade: Sebbene la serie possa apparire piacevole solo a chi è interessato alla fantascienza in realtà nasconde una trama molto complessa e ben costruita che si lascia guardare da qualsiasi telespettatore. Forse non è troppo chiara nelle prime stagioni, ma in seguito sarà invece capace di tenervi incollati piacevolmente allo schermo per via dell’eccezionale sviluppo e dei continui colpi di scena. E’ da chiarire che non è una serie per chi vuole “tutto e subito” o che comunque cerca solo lo svago, in quanto non è quello il genere a cui la serie fa parte. In conclusione è decisamente un ottimo prodotto e vale la pena seguirlo.

Nei prossimi articoli vedremo le novità del Comic-Con circa le altre migliori serie presentate, alla prossima!

Riguardo Luca Badaloni

Foto del profilo di Luca BadaloniSi interessa praticamente a tutto: calcio, politica, informazione, economia, serie tv, fumetti, film... e purtroppo per chi lo legge gli piace scriverne. Lo bollano come "uno di sinistra", ma in realtà l'unico partito che sosterrebbe si chiamerebbe "onestà e efficienza"; nel caso sapeste se esiste già diteglielo. Spesso si riconosce orgoglioso del suo Paese. Poi si sveglia e ricomincia a scrivere.


Lascia un Commento